Per offrire il miglior servizio possibile il presente sito fa uso di cookies, anche di terze parti. Continuando la navigazione si autorizza l'uso dei cookies.
Leggi la Privacy e cookie policy OK

Emanuele Rosa e Maria Focaraccio

amən

progetto selezionato per ResiDance 2023

concept, coreografia, performance Emanuele Rosa, Maria Focaraccio
musiche
Johann Sebastian Bach
musiche originali
Stella Sesto
interventi sax
Sofia Salvo
costumi
Emanuele Rosa, Maria Focaraccio, Veronica Bracaccini
realizzazione costumi
Veronica Bracaccini
luci
Cristina Spelti
con il supporto artistico di
Armando Rossi, Sara Pennella
coproduzione
C&C Company, S’ALA spazio per artist+
con il sostegno di
Étape Danse - progetto supportato da Fabrik Potsdam (DE), Bureau du Théâtre et de la Danse à Berlin (DE), La Briqueterie CDCN du Val-De-Marne (FR) e Mosaico Danza / Festival Interplay (IT), in partnership con Lavanderia a Vapore / Fondazione Piemonte dal Vivo (IT) e Torinodanza Festival / Fondazione Teatro Stabile di Torino – Teatro Nazionale (IT)
con il sostegno
del MiC e di SIAE, nell’ambito del programma “Per Chi Crea”
con il sostegno di
Teatro Pubblico Pugliese (IT), Teatro Akropolis (IT), Teatro Comunale di Vicenza (IT), Find Festival (IT) all’interno di ResiDance 2023 - azione del Network Anticorpi XL
con il sostegno di
Hunt Cdc e Alloggiando Art Fest 2023 (IT)



Il genere è un'imitazione... acquisire un genere implica l'imitazione di un ideale a cui nessuno appartiene realmente.
Judith Butler, Questione di genere

amən è una performance in cui gli autori indagano il tema degli stereotipi e delle rappresentazioni di genere, svolgendo un'indagine fisica su gesti, pose e rappresentazioni iconografiche che sono socialmente e culturalmente considerati tratti identificativi del maschile e del femminile, con l'obiettivo di smascherarne l'artificiosità e così de-costruirli. I due autori e interpreti esplorano qui il binomio "lui | lei" - "maschile | femminile" e i vari tentativi di prevaricazione di un genere sull'altro, in una ripetuta ascesa e discesa dello spazio verticale in cui sono costretti
La parola ebraica amen, che dà il titolo all'opera, ha il significato di "essere sicuro, vero”. Ma come si relaziona il corpo con la verità? Che aspetto ha quando mente? Come il corpo interpreta la "mascolinità" o la "femminilità"? Queste sono le domande che hanno segnato e guidato il percorso di ricerca, insieme alle rappresentazioni nella storia dell'arte e alle rappresentazioni nel mondo della pubblicità della "femminilità" e della "mascolinità". amən vuole essere un ritratto del mondo di regole e imposizioni in cui viviamo; allo stesso tempo, vuole rappresentare un'espressione del desiderio di superarle e riscriverle... celebrando l'epilogo e il fallimento dei sistemi di pensiero binari e discriminatori verso l'eccezionalità e la differenza.

- Liguria -

Emanuele Rosa e Maria Focaraccio

Emanuele Rosa (Genova, 1989) inizia la sua carriera in qualità di danzatore professionista nella compagnia Junior del Balletto di Toscana nel 2009.
Dal 2011 danza stabilmente nelle compagnie Imperfect Dancers Company (IT), Landestheater Linz (AT), Staatstheater Darms...

Genova - Vila Durazzo Bombrini e Teatro Akropolis

lunedý 17 aprile 2023 - domenica 23 aprile 2023

ResiDance - residenza artistica a cura di Teatro Akropolis

* il 20 aprile Emanuele e Maria condividono loro ricerca in un'esperienza laboratoriale con il pubblico

Ruvo di Puglia - Museo del Libro/ Casa della Cultura | Festival LE DANZATRICI en plein air

lunedý 19 giugno 2023 - giovedý 29 giugno 2023

ResiDance - residenza artistica a cura del Teatro Pubblico Pugliese

Vicenza - Teatro Comunale - Teatro Civico Schio

giovedý 23 novembre 2023 - mercoledý 6 dicembre 2023

ResiDance - residenza artistica a cura di Fondazione Teatro Comunale Città di Vicenza

fine lista contenuti