Per offrire il miglior servizio possibile il presente sito fa uso di cookies, anche di terze parti. Continuando la navigazione si autorizza l'uso dei cookies.
Leggi la Privacy e cookie policy OK

Nicolas Grimaldi Capitello

Lost in this (un)stable life

Vetrina 2019 - sezione IN

di Nicolas Grimaldi Capitello
performer Nicolas Grimaldi Capitello e Francesco Russo
disegno luci Nyko Piscopo
musiche inedite Sika
video Pietro Di Francesco
foto Federica Capo
partners Compagnia di danza Körper (NA) / Cornelia (NA) / Associazione Oltre (BO)

Un ‘solo’ a due corpi che si muovono in uno spazio circoscritto: una piscina.
Essi sono l’uno di fronte all’altro in un equilibrio stabile compromesso improvvisamente da elementi interni ed esterni allo spazio performativo.
Tutta l’azione scenica può essere intesa come una continua inversione di ruoli, invasione di spazi, capovolgimento di condizioni, per far comprendere quanto tutto sia precario e come gli uomini siano molto diversi o addirittura uguali se immersi in situazioni identiche.
La pièce diventa un rito magico, un processo di liberazione da esperienze traumatizzanti o da situazioni conflittuali, una vera e propria catarsi. Ed è proprio quando tutto è dipinto di nero che dobbiamo trovare le forze per rialzarci e ripulirci l’anima, trovando il modo di stare bene con i molteplici noi stessi e con gli altri, dando il via a nuovi percorsi.
Nella rappresentazione teatrale questo ciclo di errare e di ricostruire verrà riproposto infinite volte, in infiniti modi, portandoci ad una fine che fine non è.
Due facce della stessa medaglia impegnate nell’affermazione del proprio essere di fronte all’altro, a se stessi e al pubblico.
Lost in this (un)stable life è il primo duetto del trittico The Art (of never getting angry).

- Campania -

Nicolas Grimaldi Capitello

Nicolas Grimaldi Capitello lavora nella produzione di "What the body does not remember" della compagnia belga Ultima Vez di W. Vandekeybus, con la compagnia Körper negli spettacoli "Aesthetica" e "Vivianesque", per il progetto del Ravello Festival con "Extract from Nowhere" di D. Papaioannou e ...
fine lista contenuti